Pagine

venerdì 12 aprile 2013

UNA APP PER IMPARARE A GIOCARE CON I COLORI

E' stata rilasciata sull'App Store una nuova applicazione per avvicinare i bambini al mondo del colore.

Color Vacuum è un gioco non strutturato ideato per bambini dai 5 anni in su, ambientato nel 1800 in cui il bambino, guidato da uno scienziato fittizio tale Dottor Vapori, può sperimentare con i colori.

La fotocamera del dispositivo (iPhone o iPad) viene trasformata nella Color Vacuum, appunto un macchinario inventato dal Dottor Vapori per studiare la teoria del colore applicando il metodo della mescolanza additiva, ossia il metodo ottico secondo il quale il colore che vediamo è una somma di diverse quantità di luce rossa, verde e blu.

Queste tre frequenze di luce possono essere facilmente regolate dal bambino grazie ad un'interfaccia immediata e curata nei minimi dettagli per adattarsi all'ambientazione nel 1800.
Infatti il rosso, il verde e il blu sono suddivisi in tre fiale, regolabili, collegate ad un ampolla più grossa nella quale il colore finale appare sotto forma di bolla la cui grandezza è proporzionale alla saturazione del colore.

Visto che si possono collezionare più colori, le bolle di colore simile si avvicineranno mentre i colori diversi si allineeranno lungo la circonferenza dell'ampolla più grande, secondo la scala cromatica dello spettro visibile (rosso, giallo, verde, blu, viola).

Inoltre la fotocamera permette di prendere colori dall'ambiente circostante e collezionarli, condividere e ricercare colori scoperti da noi o da altri, modificare il colore scelto aggiungendo o sottarendo picocle quantità di colore base (rosso, verde o blu).

Questa nuova applicazione è stata realizzata da Curious Hat, una giovane società della California di cui fanno parte anche Luca Prasso ed Erwan Maigret, che hanno lavorato in passato per la DreamWorks Animations alla realizzazione di film come Shrek, Madagascar, Kung Fu Panda e How to Train Your Dragon.

Color Vacuum può essere scaricata al prezzo di 0,79€.

video

Nessun commento:

Posta un commento