Header Ads

Pavimenti industriali. L'importanza di affidarsi a fornitori qualificati

In una situazione di mercato ricca di problematiche, l'importanza di affidarsi ad un interlocutore qualificato ricopre un ruolo fondamentale.


Una azienda moderna deve basare il proprio business su solide basi, non solo metaforicamente ma concretamente. Un pavimento industriale solido e di bassa manutenzione è una caratteristica imprescindibile per chiunque desideri ovviare ai costi e disagi provenienti da future riparazioni e manutenzioni straordinarie.

Nella quasi totalità dei casi, un pavimento in calcestruzzo di adeguata progettazione e di buona fattura, consente di soddisfare ogni requisito tecnico di resistenza e durabilità.
Tuttavia, la scarsa cultura di settore ed una cronica mancanza di progettazione, creano una situazione di settore estremamente difficile e particolarmente incline a problematiche difficilmente risolvibili ed a contestazioni. Accadi infatti sempre più frequentemente che pavimenti industriali di nuova realizzazione presentino problematiche importanti, il cui costo di ripristino supera spesso il valore dell’opera.

Quali sono le cause di una situazione di mercato così ricca di criticità?

1) Il committente
Ebbene si! Siamo portati a pensare che il committente non partecipi alle problematiche sovra esposte ma ne sia soltanto vittima; in realtà è proprio il “committente medio” che crea una domanda di mercato non propriamente sana. Vengono difatti privilegiati i fornitori che si propongono con prezzi aggressivi e sotto quotazioni di mercato. Tali committenti sono spesso disposti a chiudere non solo uno, ma due occhi in fatto di sicurezza e di regolarità contributiva a fronte di un immediato risparmio apparente.

2) il progettista.
Chi progetta il pavimento industriale? Nel 98% dei casi… nessuno!!!
Il committente si affida generalmente alle sconosciute regole di “buona norma” per l’esecuzione di un pavimento, giudicando superfluo il ruolo del progettista. D’altronde “sono 30 anni che si fanno pavimenti alti 15 cm”, quindi andranno bene sicuramente.

3) Il pavimentista.
Coloro che realizzano pavimenti industriali non sono certo esenti da critiche, anzi..
Occorre conoscere le normative di riferimento ma anche applicarle scrupolosamente, a costo di perdere una commessa.


Nessun commento